Sogno 7 Dicembre 2008

 

Sono con L. in un altro paese, forse Australia, dove ci siamo trasferiti. Siamo sulla spiaggia, il mare è molto mosso con onde altissime e ci sono dei ragazzi che fanno surf. L. dice che gli piacerebbe imparare, ma io ovviamente sono contraria. Siamo con i piedi in acqua e sulla destra c’è un muretto con delle targhe in cui sono segnati i nomi di chi ha perso la vita in quel mare. Mi riavvicino alla spiaggia e mi accorgo che sul bagno asciuga la sabbia è morbidissima e non ci sono più i sassi che fanno male ai piedi.

Siamo in una casa, la nostra nuova casa in questo Paese, è un appartamento molto luminoso  in cima ad un palazzo molto alto, con una vetrata enorme. Arriva una ragazza, una nostra amica, che è venuta a trovarci e si siede sul divano fatto da 4 pouf molto grandi messi in mezzo al salone.

Mi  ritrovo su un sentiero in un posto boscoso e pieno di laghetti, sono al telefono con mia cugina e sto parlando con l’auricolare, le racconto quello che vedo. A un certo punto mi ritrovo davanti ad un laghetto, il sentiero prosegue intorno, ma non lo voglio percorrere forse perché non mi ricordo esattamente la strada. Mi immergo nel lago, ma torno indietro perché mi sembra strano dover fare un tratto di percorso a nuoto.  Nel frattempo continuo a parlare con mia cugina anche se ho il fiatone. Guardo di nuovo il sentiero e valuto la distanza da percorrere a nuoto. Decido di  passare dal lago. Mentre nuoto verso l’altra riva mi accorgo che si è interrotta la comunicazione.  Arrivata dall’altra parte mi metto le scarpe che avevo lasciato lì all’andata. Iniziano ad arrivare dei ragazzi per fare il bagno. Tra di loro c’è anche una ragazza con cui avevo legato molto, le dico che il giorno dopo sarei partita ma che sarei tornata. Mi allungo per darle un bacio, ma un ragazzo fraintende e mi bacia. Me ne vado.

Sono in casa (tutta diversa da quelle reali dove ho vissuto e da quella dove mi trovavo prima) decido di tornare al lago anche se è buio, ho un po’ paura e mi porto una pila. Mi ritrovo davanti casa dei miei nonni e chiedo ad un ragazzo seduto sullo scalino del portone se è sicuro andare al lago di notte. Mi dice di non andare assolutamente perché è molto pericoloso. Accanto a lui c’è L.a. (collega) seduta ad una scrivania che mi chiede di fare un lavoro urgente. Torno nella mia camera e mi metto al pc, penso di raccontare questa storia del lago ad un mio collega, sperando che mi accompagni, ma poi lascio stare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sephiroth

"Scrivere sulle cose, mi ha permesso di sopportarle".

the packing beast

Just another WordPress.com site

medea1976

Just another WordPress.com site

Riru Mont in Glasgow

Di un'Italiana in Scozia

Orso Romeo

NON PENSO AL DOMANI, PERCHÈ NON SO NEANCHE SE ARRIVO A FINE GIORNATA

Ma Bohème

Ma Bohème: un viaggio tra libri, musica, racconti di vita, cronaca e attualità.

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

aboutgarden

event, garden, craft and pleasure

NON MI LAMENTO MAI

….Sono stupendi i trent’anni... Sono stupendi perchè sono liberi, ribelli, fuorilegge, perchè è finita l’angoscia dell’attesa, non è cominciata la malinconia del declino, perchè siamo lucidi, finalmente, a trant’anni! Se siamo religiosi, siamo religiosi convinti; se siamo atei siamo atei convinti. Se siamo dubbiosi, siamo dubbiosi senza vergogna. E non temiamo le beffe dei ragazzi perchè anche noi siamo giovani, non temiamo i rimproveri degli adulti perchè anche noi siamo adulti. Non temiamo il peccato perchè abbiamo capito che il peccato è un punto di vista, non temiamo la disubbidienza perchè abbiamo scoperto che la disubbidienza è nobile. Non temiamo la punizione perchè abbiamo concluso che non c’è nulla di male ad amarci se c’incontriamo, ad abbandonarci se ci perdiamo: i conti non dobbiamo più farli con la maestra di scuola e non dobbiamo ancora farli col prete dell’olio santo. Li facciamo con noi stessi e basta, col nostro dolore da grandi. Siamo un campo di grano maturo a trent’anni, non più acerbi e non ancora secchi: la linfa scorre in noi con la pressione giusta, gonfia di vita.é viva ogni nostra gioia, è viva ogni nostra pena, si ride e si piange come non ci riuscirà mai più. Abbiamo raggiunto la cima della montagna e tutto è chiaro là in cima: la strada per cui scenderemo. Un po’ ansimanti e tuttavia freschi, non succederà più di sederci nel mezzo a guardare indietro e avanti e meditare sulla nostra fortuna… O. Fallaci

Guignolesco

Non è Pop, è Pulp!

cataniafashionblog

LA MODA NON LA SI SUBISCE.. LA SI FA'!!!

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini

Bere e Mangiare partendo da Lucca

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

jojovertherainbow

There's no places like home

Fuoridallarete

Since 1990

pe®izoma

Bisogna farsi Dio

Diana

"Nell'ora più profonda della notte, confessa a te stesso che moriresti se ti fosse vietato scrivere. E guarda profondamente nel tuo cuore dove esso espande le sue radici, la risposta, e ti domandi, devo scrivere?". Rilke

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: