L’uomo che verrà


Martina è una bambina che ha scelto di non parlare dopo la morte del fratellino neonato.
Martina non ha più parole, perché ogni parola sarebbe superflua, perché a parole non può esprimere il suo dolore. La verità è il silenzio e solo il silenzio può accompagnarla nel momento storico che travolge la sua famiglia.
Una famiglia di contadini che vive alle pendici del Monte Sole negli anni della seconda guerra mondiale. Una famiglia che oppone una resistenza passiva all’orrore ostinandosi a vivere in modo normale, lavorando la terra, mungendo le mucche, intrecciando canestri mentre i vecchi raccontano storie. Le storie di vita quotidiana diventano poi storie di guerra, le storie dei ragazzi che sono andati via di casa per unirsi ai partigiani e che nottetempo ritornano. Le storie poi si concretizzano con il cadavere di uno di loro, con i tedeschi che vengono a trovare la famiglia con la scusa di comprare uova e vino, con gli uomini che devono rifugiarsi nei boschi perché considerati disertori.
Il tutto in un excursus di tensione che culmina in una strage da cui si salvano solo Martina e il fratellino appena arrivato. Solo allora Martina ricomincia a parlare, cantando la ninna nanna al bambino. Perché, anche se non può raccontare quello che ha visto, può dare pace e speranza all’uomo che verrà.
La guerra raccontata tramite tutto ciò che non è stato guerra, ma dalla guerra è stato travolto suo malgrado. Una famiglia che vuole solo vivere, un padre di famiglia che lotta e scappa fino in fondo per poi arrendersi buttandosi tra le braccia dei tedeschi quando capisce che tutti gli affetti non ci sono più.
Perché la vita non è un valore intrinseco, ma ad essa viene dato spessore dal mondo che ognuno si è costruito.

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. France Frè
    Feb 12, 2010 @ 21:26:27

    aggiungerei solo che è un film per la vita, vita in senso di sopravvivere, lottare, resistere, credere. Vita umana calpestata , maltrattata ma riscattata da Martina su un albero davanti a una montagna testimone della strage umana

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sephiroth

"Scrivere sulle cose, mi ha permesso di sopportarle".

the packing beast

Just another WordPress.com site

medea1976

Just another WordPress.com site

Riru Mont in Glasgow

Di un'Italiana in Scozia

Orso Romeo

NON PENSO AL DOMANI, PERCHÈ NON SO NEANCHE SE ARRIVO A FINE GIORNATA

Ma Bohème

Ma Bohème: un viaggio tra libri, musica, racconti di vita, cronaca e attualità.

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

aboutgarden

event, garden, craft and pleasure

NON MI LAMENTO MAI

….Sono stupendi i trent’anni... Sono stupendi perchè sono liberi, ribelli, fuorilegge, perchè è finita l’angoscia dell’attesa, non è cominciata la malinconia del declino, perchè siamo lucidi, finalmente, a trant’anni! Se siamo religiosi, siamo religiosi convinti; se siamo atei siamo atei convinti. Se siamo dubbiosi, siamo dubbiosi senza vergogna. E non temiamo le beffe dei ragazzi perchè anche noi siamo giovani, non temiamo i rimproveri degli adulti perchè anche noi siamo adulti. Non temiamo il peccato perchè abbiamo capito che il peccato è un punto di vista, non temiamo la disubbidienza perchè abbiamo scoperto che la disubbidienza è nobile. Non temiamo la punizione perchè abbiamo concluso che non c’è nulla di male ad amarci se c’incontriamo, ad abbandonarci se ci perdiamo: i conti non dobbiamo più farli con la maestra di scuola e non dobbiamo ancora farli col prete dell’olio santo. Li facciamo con noi stessi e basta, col nostro dolore da grandi. Siamo un campo di grano maturo a trent’anni, non più acerbi e non ancora secchi: la linfa scorre in noi con la pressione giusta, gonfia di vita.é viva ogni nostra gioia, è viva ogni nostra pena, si ride e si piange come non ci riuscirà mai più. Abbiamo raggiunto la cima della montagna e tutto è chiaro là in cima: la strada per cui scenderemo. Un po’ ansimanti e tuttavia freschi, non succederà più di sederci nel mezzo a guardare indietro e avanti e meditare sulla nostra fortuna… O. Fallaci

Guignolesco

Non è Pop, è Pulp!

cataniafashionblog

LA MODA NON LA SI SUBISCE.. LA SI FA'!!!

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare partendo da Lucca

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

jojovertherainbow

There's no places like home

Fuoridallarete

Since 1990

pe®izoma

Bisogna farsi Dio

Diana

"Nell'ora più profonda della notte, confessa a te stesso che moriresti se ti fosse vietato scrivere. E guarda profondamente nel tuo cuore dove esso espande le sue radici, la risposta, e ti domandi, devo scrivere?". Rilke

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: